PFH

PRIGIONIERO AUTOAGGANCIANTE

Il PRIGIONIERO AUTOAGGANCIANTE “PFH” è un fastener filettato con una flangia zigrinata posta sotto la testa che, quando viene incorporata nella lamiera determina lo scorrimento del materiale nel colletto scanalato di aggancio fornendo, in tal modo, un fissaggio sicuro.

Dati tecnici

Vantaggi

  • Facilità di montaggio mediante qualsiasi tipo di pressa a compressione graduale.
  • Elevata resistenza alla torsione.
  • Nessun danno alla finitura superficiale di materiali verniciati e/o zincati.
  • Controllo visivo della sicurezza.
  • Perpendicolarità costante rispetto al pannello.
  • La testa risulta a filo con la superficie della lamiera.

GUIDA ALLA PROGETTAZIONE

Applicare al punzone una forza di compressione sufficiente solo ad incassare la testa del prigioniero a filo della superficie della lamiera.
Evitare le pressioni eccessive. Le forze di montaggio variano con il materiale del pannello e con le dimensioni della testa del prigioniero.

DUREZZA DELLA LAMIERA

Deve essere inferiore a 80 RB (150 VPN) per i fasteners in acciaio e a 70 RB (128 VPN) per l’Acciaio Inossidabile.

FORATURA DELLA LAMIERA

I fori possono essere ricavati mediante punzonatura o trapanatura, ma deve essere mantenuta una tolleranza di -0,00 +0,08mm.

MATERIALE STANDARD

Acciaio Temperato. Acciaio Inossidabile Austenitico 18/8.

FINITURE STANDARD

Prigionieri in acciaio – Zincatura e passivazione chiara. Prigionieri in Acciaio Inossidabile – colore grezzo. Altre finiture disponibili a richiesta. Acciaio inossidabile serve 400 per lamiere in AISI 304.
Per certe combinazioni di filettatura e spessore della lamiera può rendersi necessario prevedere una svasatura nella superficie inferiore della matrice.


Settori di utilizzo

Impianti industriali

Automotive

Componenti elettronici

Elettromedicale

PFH

PRIGIONIERO AUTOAGGANCIANTE

Richiedi specifiche tecniche

Da qui puoi richiedere il PDF con le specifiche tecniche complete del prodotto.

Accedi